Il nuovo museo di Oslo

Oslo ha un nuovo museo. In questo edificio saranno riunite le collezioni che ora sono sparse in diverse sedi separate in città. Il nuovo museo di Oslo si prepara a diventare uno dei più grandi d’Europa. E’ l’erede, tra l’altro, della Galleria nazionale di Oslo  che conserva numerose opere d’arte moderna fra cui una versione de L’urlo (Skrik in norvegese) di Edvard Munch, una versione dell’Autoritratto di Vincent van Gogh, opere di El Greco, Auguste Renoir, Claude Monet, Paul Cézanne e Pablo Picasso. Tra i pittori norvegesi conservati ed esposti si possono ammirare le opere di Heinrich Christian Friedric Hosenfelder, Thomas Fearnley e di Karl Edvard Diriks.

Notevole anche la collezione di sculture tra cui spiccano: “Trionfo di Afrodite” di Renoir e “La Toilette del mattino” di Degas. La Galleria ospita inoltre mostre temporanee di arte storica e contemporanea.

L’edificio della vecchia Galleria nazionale

Il grande e suggestivo museo è stato progettato dallo studio di architettura Kleihues + Schuwerk Gesellschaft von Architekten con l’obiettivo di realizzare una struttura che si inserisse in maniera naturale, e al contempo sensazionalistica, all’interno della città.

Il risultato è un museo dal taglio netto e dall’aspetto solido, con evidenti richiami a Oslo e ai suoi monumenti caratterizzanti, come il Municipio e la fortezza. Ed è a questo luogo, ancora più suggestivo alle prime luci del crepuscolo, che è stato affidato un grande e importante compito: quello di riunire tutti i capolavori d’arte sparsi per la città.

All’interno del Museo Nazionale, infatti, saranno riunite le collezioni che ora sono sparse in tre sedi separate nel centro di Oslo, rispettivamente La Galleria Nazionale, il Museo d’Arte Contemporanea, e il Museo del design industriale. Questo vuol dire che design, artigianato e arte visiva, per la prima volta, saranno in mostra in un unico luogo.

Con il nuovo Museo Nazionale, la Norvegia punta a offrire la più ampia finestra sull’arte del Paese. Più di 5000 opere, di secoli ed epoche diverse, saranno esposte tra le 90 sale che si snodano su una superficie totale di 54600 metri quadri. Una dimensione, questa, che lo rende anche più grande delle celebri istituzioni Rijksmuseum e Guggenheim Bilbao.

L’edificio comprende anche uno spettacolare e suggestivo spazio destinato alle mostre temporanee: la Light Hall, una sala situata sul tetto, dalla quale si avrà accesso a un’ampia terrazza panoramica, a una caffetteria, a un negozio e alla più grande biblioteca d’arte della regione nordica.

Il nuovo Museo Nazionale è stato realizzato sul porto di Oslo, vicino al lungomare, inserendosi nel progetto di riqualificazione della città che ha puntato tutto sullo sviluppo di nuove aree per attività culturali e ricreative dedicate ai cittadini locali e ai visitatori, proprio nei pressi del mare.

Sono sorti nuovi quartieri come Tjuvholmen e Sørenga, la biblioteca pubblica Deichman Bjørvika è stata inaugurato a giugno 2020 e il nuovo Munch Museet aprirà il 22 ottobre 2021. A questa offerta di per sé già strabiliante si aggiunge quella del nuovo Museo Nazionale che aprirà a giugno del 2022.



Categorie:Z08- Capo Nord

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: