Villa romana di Malvaccaro

L’unica villa romana recuperata nel territorio potentino è quella di Malvaccaro. situata in una traversa di via Parigi, nel quartiere di Poggio Tre Galli.
Le strutture oggi visibili, appartenenti ad una fase di monumentalizzazione, sono databili tra il III e la prima metà del IV secolo, ma al di sotto di esse vi sono tracce databili al I-II secolo d.C.
Gli ambienti di rappresentanza della villa si sviluppano su più livelli. Partendo da quello inferiore, decorato con coperture di marmo pavonazzetto (un tipo di marmo bianco con venature “paonazze”, ovvero di colore violaceo scuro, che richiama la coda del pavone. È chiamato anche frigio, per la sua provenienza dall’omonima regione dell’Asia Minore, l’attuale regione Egea, in Turchia), si aveva accesso al triclinium (sala da pranzo), il cui pavimento propone un mosaico policromo, con un motivo a squame incorniciato da una fascia di triangoli disposti a spina di pesce. Il pavimento presenta centralmente un medaglione con l’immagine delle tre Grazie e si conclude verso nord con una grande aula absidata. Qui, su un divano semicircolare (stibadium) in muratura, reso senz’altro più confortevole da cuscini, prendevano posto i convitati. Sdraiati sul divano, gli ospiti godevano dell’immagine delle tre Grazie, in un contesto che la rappresentazione figurata di anfore e di cesti di frutti e fiori rendeva evocativo dei banchetti dionisiaci.
La villa ha subito numerosi rifacimenti che ne hanno in parte modificato anche la planimetria originaria. In tempi più recenti è stata anche utilizzata come casetta rurale, ma forse originariamente si trattava di una masseria, su un importante crocevia tra il Vulture e l’interno della Basilicata, dove si producevano e probabilmente vendevano prodotti agricoli.



Categorie:Y20.10.01- Area archeologica di Potenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE, STORIA E CIVILTA' / LANGUAGES, HISTORY AND CIVILIZATION / LANGUES, HISTOIRE ET CIVILISATION

Sito di Lingue e Letterature comparate / Site of Comparative Languages ​​and Cultures

MASCHERE E TEATRO - MASKS AND THEATRE

Studi e Ricerche - Études et recherches - Studies and Research

- ANTONIO DE LISA (ADEL) - PITTURA, GRAFICA, SCULTURA / PAINTING, GRAPHICS, SCULPTURE

Studio Polimaterico Blu- Arte / Polymaterial Study of Art

ORIENTALIA - ARTE STORIA ARCHEOLOGIA / ART HISTORY ARCHEOLOGY

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

LOST ORPHEUS TEATRO

LOST ORPHEUS THEATRE

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS - ONLINE JOURNAL

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - WORK IN PROGRESS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry - Théâtre Arts Musique Poésie

IN POESIA - FENOMENOLOGIA DELLA LETTERATURA

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: