R.Converti, G.Caggiano, A.Onorato- Un cattivo riciclaggio della plastica: il caso canadese

Un esempio lampante delle conseguenze dovute ad un non adeguato riciclaggio è rappresentato dal Canada. Un nuovo rapporto mostra infatti che viene riciclato solo il 9 per cento delle sue plastiche ed il resto scaricato in discarica, smaltito attraverso inceneritori o gettato via come rifiuti abbandonati.

Dopo 30 anni di programmi di riciclaggio che costringono i residenti a raccogliere, lavare e riempire scatole blu con bottiglie di plastica, sacchetti e contenitori, si scopre che nel 2016 più di 3,2 milioni di tonnellate metriche sono finite come spazzatura, secondo la sintesi di un rapporto prodotto da Deloitte per l’Ambiente e il Cambiamento Climatico Canadese.

Di tale importo, l’86 per cento è andato in discarica, il 4 per cento agli inceneritori e l’1 per cento – 29.000 tonnellate metriche – sono finiti come rifiuti abbandonati che possono contaminare laghi e oceani. La maggior parte della plastica sprecata proviene da uffici, istituzioni o industrie.

La quantità totale di plastica consumata in Canada nel 2016 è stata di 4,6 milioni di tonnellate metriche, ha detto il rapporto, chiamato Studio economico dell’industria plastica canadese, mercati e rifiuti. La maggior parte dei rifiuti di plastica proviene dagli imballaggi per prodotti come computer o giocattoli per bambini, con quantità minori da parti automobilistiche, elettronica, tessuti e costruzioni.

Usman Valiante, analista delle politiche ambientali, ha affermato che McKenna, ministro federale dell’ambiente, e i ministri provinciali dell’ambiente devono ora cambiare il modo in cui i canadesi consumano e gestiscono la plastica.

Valiante, insieme a leader ambientali come Jo-Anne St. Godard, del Consiglio per il riciclaggio dell’Ontario, ha chiesto cambiamenti politici governativi che, secondo loro, trasformeranno l’industria del riciclaggio mediante in un’economia multimiliardaria, creando potenzialmente decine di migliaia di posti di lavoro.

I cambiamenti normativi contribuirebbero a guidare quella che è nota come “economia circolare”. Ciò significa che i produttori di plastica sarebbero responsabili del riciclaggio e del riutilizzo dei materiali che sostituiscono le nuove materie plastiche, realizzati dall’industria petrolchimica.

Il precedente governo dell’Ontario approvava una legislazione – con tutto il supporto dei partiti – che si concentrava sulla responsabilità del produttore, vale a dire che le aziende che producono o vendono materiali devono riciclarli, portando all’innovazione e a progetti ambientali migliori.

Secondo un rapporto di Deloitte, un’azienda di servizi di consulenza e revisione, una forte industria del riciclaggio – con un tasso di riciclaggio del 90 per cento – potrebbe ridurre le emissioni di gas a effetto serra e stimolare l’economia, creando ulteriori 17.000 posti di lavoro diretti (lavoratori qualificati, ad esempio, impianti di riciclaggio della plastica) e un altro 25.000 lavori indiretti (come i lavoratori che fanno i macchinari utilizzati per il riciclaggio). Senza grandi cambiamenti, i rifiuti di plastica inviati in discarica rappresenterebbero un valore perso di 11,1 miliardi di dollari entro il 2030.

TOWARDS A ZERO PLASTIC WASTE

Le associazioni ambientali sotto firmate* hanno chiesto al governo canadese di:

  1. Collaborare con province, territori, comuni e governi indigeni per sviluppare politiche che mantengano la plastica fuori dall’ambiente:
    1. Vietare le materie plastiche e gli additivi dannosi o difficili da riciclare.
    1. Stabilire standard di prestazione del prodotto per materiali innovativi e materie prime alternative in cui le prove dimostrano chiaramente che sono più sostenibili.
    1. Armonizzare gli obiettivi provinciali di riciclaggio per garantire che il 100% della plastica monouso venga catturato e che almeno l’85% venga riciclato entro il 2025.
    1. Ridurre la riduzione degli sprechi e la riutilizzabilità dei prodotti e degli imballaggi e investire in sistemi di consegna alternativi e modelli di riutilizzo
    1. Stabilire uno standard nazionale di contenuto riciclato del 75% per le materie plastiche monouso.
    1. Richiedere una legislazione per la responsabilità estesa del produttore (EPR, Extended Producer Responsibility) che renda le aziende finanziariamente e operativamente responsabili della

raccolta e del riciclaggio dei materiali messi sul mercato e della riduzione del consumo di risorse.

  • Eliminazione graduale dell’esportazione di rifiuti di plastica scarsamente ordinati.
    • Adottare misure correttive contro le materie plastiche già accumulate nell’ambiente.
  • Stabilire definizioni, standard e protocolli di misurazione coerenti:
  • Definizioni nazionali per l’economia circolare,recupero delle risorse, riciclaggio e responsabilità estesa dei produttori di armonizzare la politica dei rifiuti in tutto il Canada
  • Protocolli per misurare e monitorare i progressi verso gli obiettivi e gli standard di prestazioni
  • Seguendo l’esempio delle microsfere, adottare misure prioritarie per dichiarare le plastiche problematiche (come le materie plastiche monouso) tossiche ai sensi del Canadian Environmental Protection Act (CEPA) e adottare misure preventive per ridurre al minimo i rischi per la salute umana e ambientale entro il 2020.
  • Costruire la circolarità nelle politiche degli appalti pubblici del governo federale:
  • Richiedere ai fornitori di fornire soluzioni a circuito chiuso come parte della fornitura di beni e servizi
  • Dare l’esempio e garantire che i prodotti e gli imballaggi dei prodotti con il 75% di contenuto riciclato e che i fornitori raggiungano un tasso di cattura del 100% e un tasso di riciclaggio dell’85% per le materie plastiche monouso
  • Dimostrare la leadership internazionale sostenendo un trattato globale, costruito sul successo precedente del protocollo di Montreal:
  • Stabilire un obiettivo ambizioso e stimolante di un’economia circolare con rifiuti di plastica zero entro il 2030.
  • Stabilire principi guida tra cui la prevenzione e la precauzione, il diritto a un ambiente sano e chi inquina paga.
  • Stabilire standard di progettazione del prodotto, tra cui che tutta la plastica deve essere riciclabile, riutilizzabile o compostabile e vietare gli additivi nocivi e i prodotti problematici.
  • Adottare obiettivi globali per ridurre l’inquinamento da plastica.
  • Costruire un fondo globale per sostenere la costruzione di un’economia circolare nei paesi in via di sviluppo.

*Iniziativa di:

Riportiamo qui dei dati che risalgono al 2019 del sito WRWCanada.com

Converti Rebecca-Caggiano Greta-Onorato Alessandra

Ricerca collettiva della Classe
di Storia e Filosofia – IVE
Liceo Scientifico Galilei di Potenza



Categorie:W23.01- Plastic World

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE, STORIA E CIVILTA' / LANGUAGES, HISTORY AND CIVILIZATION / ЯЗЫКИ, ИСТОРИЯ И ЦИВИЛИЗАЦИЯ

Sito di Lingue e Letterature comparate / Site of Comparative Languages ​​and Cultures

ANTONIO DE LISA- OPERE LETTERARIE - LITERARY TEXTS

Poesia - Narrativa - Scritti di viaggio - Teatro / Poetry - Fiction - Travel writings - Theater

- ANTONIO DE LISA (ADEL) - PITTURA, GRAFICA, SCULTURA / PAINTING, GRAPHICS, SCULPTURE

Studio Polimaterico Blu- Arte / Polymaterial Study of Art

ORIENTALIA - ARTE STORIA ARCHEOLOGIA / ART HISTORY ARCHEOLOGY

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIA E REALTA' - HISTORY AND REALITY

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

LOST ORPHEUS TEATRO

LOST ORPHEUS THEATRE

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus - Online Journal

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - WORK IN PROGRESS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry - Théâtre Arts Musique Poésie

IN POESIA - FENOMENOLOGIA DELLA LETTERATURA

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: