Lingua siriaca

Lingua siriaca

La lingua siriaca (nome nativo ܣܘܪܝܝܐ Suryāyā) è una lingua aramaica che è stata tra le più parlate nel vicino oriente. Fu una lingua colta, usata tra il II secolo e l’VIII secolo nel Vicino Oriente.

Diventò il veicolo della Cristianità in tutta l’Asia fino a Malabar (India meridionale) e fino ai confini della Cina, nonché mezzo di comunicazione e di scambi culturali fra Armeni, Arabi e Persiani. Primario mezzo di espressione, il siriaco fu semanticamente e culturalmente fondante nello sviluppo della lingua araba, da cui fu rimpiazzato alla fine dell’VIII secolo.

Secondo la tradizione, lo stesso Gesù avrebbe parlato questa lingua, nella quale avrebbe pronunciato le sue ultime parole:

« Eloì, Eloì, lemà sabactàni? »
(“Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”)

Oggi la scrittura siriaca è ancora molto usata dai cristiani aramaici.

Scrittura

In siriaco si scrive da destra a sinistra e la maggior parte delle lettere si connettono alla seguente. Esistono diversi stili in questa scrittura, i principali sono: la estrangela, la più antica e diffusa, lo stile giacobita (occidentale) e quello nestoriano (orientale). Questi tre stili si differenziano per la scrittura delle vocali. Nello stile estrangela i segni vocalici sono per lo più omessi; nella scrittura giacobita le vocali sono indicate con segni diacritici; nel nestoriano si indicano con una combinazione delle lettere waw e yud usate come matres lectionis e di punti posti sopra o sotto le lettere.

Alfabeto

L’alfabeto siriaco è il sistema di scrittura utilizzato per scrivere la lingua siriaca a partire dal II secolo.

Si tratta di un abjad semitico, direttamente derivato dall’alfabeto proto-cananeo, composto da 22 consonanti; a seconda delle forme di scrittura, i suoni vocalici non sono indicati oppure vengono indicati tramite segni diacritici. In effetti, tre delle lettere sono mater lectionis, ossia sono consonanti che a volte indicano un suono vocalico:

  • la prima lettera, ‘Ālaph, che rappresenta una pausa glottidale, indica una vocale se all’inizio o al finale di una parola;
  • la lettera Waw è tecnicamente una w, ma può anche indicare i suoni vocalici o e u;
  • allo stesso modo, la lettera Yōdh rappresenta sia la consonante y sia i suoni vocalici i ed e.

Il siriaco si scrive da destra a sinistra ed è una scrittura corsiva, in cui tuttavia solo alcune lettere sono collegate tra loro all’interno della stessa parola.

Forme dell’alfabeto siriaco

 

Libro del XI scritto nella variante Serṭā del siriaco.

L’alfabeto siriaco ha tre varianti principali.

La forma più antica e classica è l’ʾEsṭrangēlā (nome derivato dalla parola greca στρόγγυλη, strongyle, rotondo). Benché l’ʾEsṭrangēlā non si usi più per scrivere il siriaco, ne esiste una versione ridotta utilizzata in titoli, iscrizioni e anche in talune pubblicazioni, come ad esempio in una versione del Peshitta dell’Università di Leiden. In alcuni manoscritti antichi, così come in talune iscrizioni, tutte le lettere possono essere legate a sinistra; inoltre vi si trovano antiche lettere dell’alfabeto aramaico – specialmente della Ḥeth e della Mem lunata. Nell’ ʾEsṭrangēlā solitamente non vengono usati i diacritici per indicare le vocali.

Il dialetto siriaco occidentale viene scritto nella forma Serṭā (lineare), conosciuta anche come scrittura maronita o giacobita, nella quale la maggior parte delle lettere sono derivate chiaramente da una semplificazione e una razionalizzazione di quelle dell’ʾEsṭrangēlā. L’alfabeto arabo è basato sull’alfabeto nabateo, che a sua volta è derivato da questa forma di scrittura siriaca. Nella scrittura occidentale, le vocali sono normalmente indicate da piccole lettere greche apposte sopra o sotto la lettera seguente: Α (alfa maiuscolo) rappresenta il suono a, α (alfa minuscolo) rappresenta o, ε (epsilon minuscola) rappresenta e, Ι (iota maiuscolo) rappresenta i, e una combinazione dei simboli Υ (ipsilon maiuscola) e ο (omicron minuscola) rappresenta u.

Il dialetto siriaco orientale viene invece scritto normalmente nella forma Maḏnḥāyā (orientale), detto anche alfabeto assiro (da non confondersi con il nome tradizionale dell’alfabeto ebraico), caldeo, e, impropriamente, nestoriano, termine utilizzato all’inizio per designare i cristiani che vivevano nell’Impero Persiano. Le lettere della scrittura orientale sono molto più simili a quelle dell’Estrangelā dell’occidentale. Le vocali vengono indicate con combinazioni di punti posti sopra o sotto le lettere.

Quando l’arabo diventò la lingua dominante nella Mezzaluna Fertile, vennero prodotti testi in arabo scritti in alfabeto siriaco, che vengono detti Karshuni o Garshuni.

ʾEsṭrangēlā

LetteraFormato
normale
Finale
legata
Finale
non legata
Carattere UnicodePronuncia
‘ĀlaphAramaic alap.png  ܐʔ (occlusiva glottidale sorda)
o muta
BēthAramaic beth.pngAramaic beth c.png ܒforte: b (occlusiva bilabiale sonora)
dolce: v (fricativa labiodentale sonora) o w (approssimante labiovelare)
GāmalAramaic gamal.pngAramaic gamal c.png ܓforte: g (occlusiva velare sonora)
dolce: ɣ (fricativa velare sonora)
DālathAramaic daleth.png  ܕforte: d (occlusiva alveolare sonora)
dolce: ð (fricativa dentale sonora)
Aramaic heh.png  ܗh (fricativa glottidale sorda)
WawAramaic waw.png  ܘconsonante: w (approssimante labiovelare)
mater lectionis: u (vocale posteriore chiusa arrotondata) o o (vocale centrale chiusa arrotondata)
ZaynAramaic zain.png  ܙz (fricativa alveolare sonora)
Hēth o KhēthAramaic kheth.pngAramaic kheth c.png ܚħ (fricativa faringale sorda)
TēthAramaic teth.pngAramaic teth c.png ܛ (occlusiva alveolare sorda faringalizzata)
YōdhAramaic yodh.pngAramaic yodh c.png ܝconsonante: j (approssimante palatale)
mater lectionis: i (vocale anteriore chiusa non arrotondata) o e (vocale anteriore semichiusa non arrotondata)
KāphAramaic kap.pngAramaic kap c.pngAramaic kap f.pngܟforte: k (occlusiva velare sorda)
dolce: x (fricativa velare sorda)
LāmadhAramaic lamadh.pngAramaic lamadh c.png ܠl (approssimante laterale alveolare)
MīmAramaic meem.pngAramaic meem c.png ܡm (nasale bilabiale)
NūnAramaic noon.pngAramaic noon c.pngAramaic noon f.pngܢn (nasale alveolare)
SemkathAramaic simkath.pngAramaic simkath c.png ܣ / ܤs (fricativa alveolare sorda)
Aramaic ain.pngAramaic ain c.png ܥʕ (fricativa faringale sonora)
Aramaic payin.pngAramaic payin c.png ܦforte: p (occlusiva bilabiale sorda)
dolce: f (fricativa labiodentale sorda) o w (approssimante labiovelare)
SādhēAramaic tsade.png  ܨ (fricativa alveolare sorda faringalizzata)
QōphAramaic qoph.pngAramaic qoph c.png ܩq (occlusiva uvulare sorda)
RēšAramaic resh.png  ܪr (vibrante alveolare)
ŠīnAramaic sheen.pngAramaic sheen c.png ܫʃ (fricativa postalveolare sorda)
Taw Aramaic taw.png ܬforte: t (occlusiva alveolare sorda)
dolce: θ (fricativa dentale sorda)
  Aramaic lamadh alap.png  Lāmadh e ‘Ālaph
combinate a fine parola
  Aramaic taw alap.png  Taw e ‘Ālaph
combinate a fine parola

Scrittura siriaca Madnhāyā (orientale)

LetteraFormato
normale
Finale
legata
Finale
non legata
Carattere UnicodePronuncia
‘ĀlaphSyriacAlaph.pngSyriacAlaph2.png ܐʔ (occlusiva glottidale sorda)
o muta
BēthSyriacBeth.pngSyriacBeth2.png ܒforte: b (occlusiva bilabiale sonora)
dolce: v (fricativa labiodentale sonora) ou w (approssimante labiovelare)
GāmalSyriacGamal.pngSyriacGamal2.png ܓforte: g (occlusiva velare sonora)
dolce: ɣ (fricativa velare sonora)
DālathSyriacDalath.png  ܕforte: d (occlusiva alveolare sonora)
dolce: ð (fricativa dentale sonora)
SyriacHe.png  ܗh (fricativa glottidale sorda)
WawSyriacWaw.png  ܘconsonante: w (approssimante labiovelare)
mater lectionis: u (vocale posteriore chiusa arrotondata) o o (vocale posteriore semichiusa arrotondata)
ZaynSyriacZayn.png  ܙz (fricativa alveolare sonora)
Hēth o KhēthSyriacKheth.pngSyriacKheth2.png ܚħ (fricativa faringale sorda)
TēthSyriacTeth.pngSyriacTeth2.png ܛ (occlusiva alveolare sorda faringalizzata)
YōdhSyriacYodh.pngSyriacYodh.png ܝconsonante: j (approssimante palatale)
mater lectionis: i (vocale anteriore chiusa non arrotondata) o e (vocale anteriore semichiusa non arrotondata)
KāphSyriacKaph.pngSyriacKaph2.pngSyriacKaph3.pngܟforte: k (occlusiva velare sorda)
suave: x (fricativa velare sorda)
LāmadhSyriacLamadh.pngSyriacLamadh2.png ܠl (approssimante laterale alveolare)
MīmSyriacMeem.pngSyriacMeem2.png ܡm (nasale bilabiale)
NūnSyriacNun.pngSyriacNun2.pngSyriacNun3.pngܢn (nasale alveolare)
SemkathSyriacSimkath.pngSyriacSimkath2.pngSyriacSimkath3.pngܣ / ܤs (fricativa alveolare sorda)
Syriac'E.pngSyriac'E2.png ܥʕ (fricativa faringale sonora)
SyriacPe.pngSyriacPe2.png ܦforte: p (occlusiva bilabiale sorda)
suave: f (fricativa labiodentale sorda) ou w (approssimante labiovelare)
SādhēSyriacSadhe.png  ܨ (fricativa alveolare sorda faringalizzata)
QōphSyriacQop.pngSyriacQop2.png ܩq (occlusiva uvulare sorda)
RēšSyriacResh.png  ܪr (vibrante alveolare)
ŠīnSyriacSheen.pngSyriacSheen2.png ܫʃ (fricativa postalveolare sorda)
TawSyriacTaw.png  ܬforte: t (occlusiva alveolare sorda)
dolce: θ (fricativa dentale sorda)
  SyriacAlaph3.png  Lāmadh e ‘Ālaph
combinate
  SyriacTawAlaph.png  Taw e ‘Ālaph combinate a fine parola,
quando Taw è legata alla lettera precedente

Il siriaco in Unicode

L’intervallo Unicode del siriaco è U+0700 … U+074F.

  0123456789ABCDEF
700 ܀܁܂܃܄܅܆܇܈܉܊܋܌܍܎܏
710 ܐܑܒܓܔܕܖܗܘܙܚܛܜܝܞܟ
720 ܠܡܢܣܤܥܦܧܨܩܪܫܬܭܮܯ
730 ܱܴܷܸܹܻܼܾܰܲܳܵܶܺܽܿ
740 ݂݄݆݈݀݁݃݅݇݉݊݋݌ݍݎݏ
  • Tabella Unicode
     

 



Categorie:G10.01- Lingue semitiche - Semitic languages

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE, STORIA E CIVILTA' / LANGUAGES, HISTORY AND CIVILIZATION / LANGUES, HISTOIRE ET CIVILISATION

Sito di Lingue e Letterature comparate / Site of Comparative Languages ​​and Cultures

MASCHERE E TEATRO - MASKS AND THEATRE

Studi e Ricerche - Études et recherches - Studies and Research

- ANTONIO DE LISA (ADEL) - PITTURA, GRAFICA, SCULTURA / PAINTING, GRAPHICS, SCULPTURE

Studio Polimaterico Blu- Arte / Polymaterial Study of Art

ORIENTALIA - ARTE STORIA ARCHEOLOGIA / ART HISTORY ARCHEOLOGY

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

LOST ORPHEUS TEATRO

LOST ORPHEUS THEATRE

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS - ONLINE JOURNAL

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - WORK IN PROGRESS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry - Théâtre Arts Musique Poésie

IN POESIA - FENOMENOLOGIA DELLA LETTERATURA

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: