Il Paradosso sull’attore di Diderot

diderot

Il Paradosso sull’attore di Diderot

Il Paradosso sull’attore (Paradoxe sur le comédien, in lingua francese) è un trattato sull’arte drammatica scritto dal filosofo francese Denis Diderot negli anni compresi tra il 1770 ed il 1780 ed organizzato in forma di dialogo tra due interlocutori.

Pubblicato postumo nel 1830, fu sicuramente rimaneggiato dall’autore, dopo la prima stesura, intorno al 1783-1784. La genesi dell’opera è da rintracciarsi nell’interesse di Diderot per un saggio su David Garrick, celebre attore teatrale inglese. Il direttore della rivista per la quale Diderot componeva articoli, Correspondances littéraires, gli aveva infatti inviato il saggio assieme ad altri per farglielo recensire. Colpito dal lavoro e dall’analisi sullo stile recitativo, Diderot elaborò una personale teoria sull’arte drammatica, espressa poi sulle pagine della rivista. Il Paradosso sull’attore è un ampliamento dello stesso articolo di Diderot apparso nel 1770 su Correspondances littéraires.

Ponendosi controcorrente rispetto al pensiero coevo, Diderot svela che l’attore non è un passivo imitatore né un artista che basa la sua arte sulla sola sensibilità o sullo slancio romantico delle passioni. C’è bisogno, infatti, che l’attore non solo studi i grandi modelli precedenti, ma si affidi, nell’interpretazione, alla razionalità, che gli potrà permettere di ottenere risultati costanti.

In questo modo Diderot assegna all’attore lo statuto di creatore e non di imitatore, mettendolo al pari dell’autore teatrale, considerato l’unico vero creatore della storia rappresentata. L’eccessivo slancio causa nell’attore un eccesso di artificiosità nella recitazione: una studiata razionalità, unita alla perspicacia, otterrebbero invece la naturalezza dell’interpretazione. Poiché il compito dell’attore è, poi, riprodurre le medesime scene più volte nel corso della sua vita, un’interpretazione basata sulla sola emotività rischierebbe di rendere incostante il risultato, che potrebbe essere influenzato dalla stanchezza o dal turbamento, causando l’insuccesso dell’interprete.

Il saggio di Diderot è alla base delle moderne teorie sul lavoro dell’attore, il quale necessita di una severa disciplina e di una studiata tecnica per affrontare il suo lavoro.

Bibliografia

  • Denis Diderot in Rosanna Serpa (a cura di), Il paradosso sull’attore, Verona, Angelo Signorelli, 1993.

Fonte: Wikipedia



Categorie:T05- Teorici e teorie del teatro

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATRE AND RESEARCH

Sito della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: