I 100 migliori libri pubblicati in America nel 2013 secondo il New York Times

51Q36R5xgJL._SY445_

I 100 migliori libri pubblicati in America nel 2013 secondo il New York Times

I cento migliori libri pubblicati negli Stati Uniti nel 2013, scelti dai critici del supplemento letterario del New York Times:

    • Joyce Carol Oates, The accursed
      Romanzo gotico postmoderno su una maledizione che colpì la bucolica Princeton tra il 1905 e il 1906.
    • James Salter, All that is
      A trent’anni dal suo ultimo libro Salter racconta gli amori e i lutti di un veterano della seconda guerra mondiale.
    • Chimamanda Ngozi Adichie,Americanah
      Opera tagliente su ciò che significa essere nero in America, Nigeria e Regno Unito.
    • Thomas Pynchon, Bleeding edge
      Spigoloso racconto su un investigatore imbroglione e un criminale in giacca e cravatta.
    • Edward Hoagland, Children are diamonds
      Un avventuriero viene sopraffatto dal caos nel Sud Sudan.
    • Dave Eggers, The Circle
      In un futuro inquietante l’esistenza umana scorre attraverso il sito di un’azienda.
    • Edwidge Danticat, Claire of the sea light
      Una ragazza haitiana sparisce il giorno del suo compleanno.
    • Aimee Bender, The color master
      Personaggi che si barcamenano in un mondo travolgente, grazie a oggetti materiali.
    • Anthony Marra, A constellation of vital phenomena
      Straordinario esordio ambientato in una Cecenia sconvolta dalla guerra.
    • Herman Koch, La cena
      Due coppie sono a cena fuori mentre i loro figli commettono un orribile crimine.
    • Andre Dubus III, Dirty love
      Quattro storie collegate su bisogni e debolezze.
    • Jonathan Lethem, Dissident gardens
      Tre generazioni in un giardino del Queens di una famiglia di newyorchesi di sinistra.
    • Stephen King, Doctor Sleep
      Nel sequel di Shining, tra i migliori romanzi di King, Danny corre in aiuto di un bambino con poteri speciali.
    • Kathryn Davis, Duplex
      Un’insegnante con un amante insolito.
    • Elizabeth Graver, The end of the point
      Varie generazioni di una ricca famiglia nella casa delle vacanze sulla costa del Massachusetts.
    • Rachel Kushner, The flamethrowers
      Un artista tra New York e Roma negli anni settanta.
    • Donna Tartt, The Goldfinch
      Romanzo dickensiano che parte da un cardellino dipinto.
    • James McBride, The good Lord Bird
      Un giovane schiavo liberato si fa passare per ragazza. National book award 2013.
    • Ramona Ausubel, A guide to being born
      Racconti fantastici che vanno dall’amore al concepimento alla gestazione alla nascita.
    • Lore Segal, Half the kingdom
      Un caso di demenza contagiosa in un ospedale di Manhattan raccontato con umorismo nero.
    • Jamie Quatro, I want to show you more
      Raccolta di racconti che combina tra loro temi come cristianesimo e infedeltà coniugale.
    • Andrew Sean Greer, Le vite impossibili di Greta Wells
      Romanzo elegiaco in cui una donna vive diverse versioni di sé lungo tutto il novecento.
    • Xavier Marías, Gli innamoramenti
      Una proliferazione di punti di vista alternativi.
    • Meg Wolitzer, The interestings
      Un nuovo sguardo sul tema dell’invenzione del sé.
    • Kate Atkinson, Life after life
      Una donna sperimenta le diverse strade che il suo destino avrebbe potuto intraprendere.
    • Allan Gurganus, Local souls
      Trittico ambientato nella già nota Falls, in North Carolina.
    • Jo Baker, Longbourn
      Orgoglio e pregiudizio visto dalla servitù di casa Bennet.
    • David Rakoff, Love, dishonor, marry, die, cherish, perish
      Romanzo (postumo) in distici.
    • Jhumpa Lahiri, La moglie
      Uno scienziato indiano porta in America la vedova del fratello assassinato.
    • Eleanor Catton, The luminaries
      Una storia di amore e mistero in Nuova Zelanda: una parodia di un romanzo ottocentesco che si rivela estremamente innovativa. Booker prize 2013.
    • Margaret Atwood, MaddAddam
      Ultimo capitolo della trilogia che include L’ultimo degli uomini e L’anno del diluvio.
    • Alexander Maksik, A marker to measure drift
      Una donna liberiana cerca rifugio in un’isola dell’Egeo.
    • Frank Bidart, Metaphisical dog
      Raccolta di poesie che si immerge in una folla di artisti geniali, violenti disadattati e auto-accusatori teatrali.
    • Brenda Shaughnessy, Our Andromeda
      Versi che raccontano il mondo senza il dolore di un bambino.
    • Elizabeth Gilbert, The signature of all things
      Dall’autrice di Mangia, prega, ama, il viaggio “darwiniano” di una botanica verso Tahiti.
    • Amity Gaige, Schroder
      Un uomo in fuga con la figlia di sei anni.
    • Alice McDermott, Someone
      Il significato di una vita comune al setaccio di ricordi sparsi.
    • Juan Gabriel Vásquez, Il rumore delle cose che cadono
      La tragica storia del narcotraffico colombiano per riflettere su amore, destino e morte.
    • Philip Meyer, The son
      Una saga texana che spazia dalle sofferenze della frontiera alle assurdità del culto della celebrità.
    • J. M. Ledgard, Submergence
      Rapimenti, ostaggi e immersioni in mare aperto.
    • Norman Rush, Subtle bodies
      Alcuni ex compagni di scuola si ritrovano nella tenuta di un amico morto in uno strano incidente.
    • George Saunders, Dieci dicembre
      Racconti edificanti per non soccombere agli aspetti più oscuri della vita.
    • Ayana Mathis, The twelve tribes of Hattie
      Romanzo d’esordio sulle sofferenze di una famiglia nera che emigra da sud a nord.
    • David Leavitt, The two Hotel Francforts
      Lisbona, 1940. Due coppie aspettano la partenza per New York e i mariti cominciano una relazione extraconiugale.
    • Amy Tan, The valley of amazement
      Quarant’anni di vita di una madre e una figlia cortigiane nella Cina del novecento.
    • Jonathan Miles, Want not
      Rifiuti e decomposizioni del mondo consumistico annodano tra loro diversi fili narrativi.
    • Karen Joy Fowler, We are all completely beside ourselves
      Intelligente romanzo che prende spunto dal titolo di un tabloid: “Una bambina e uno scimpanzé allevati insieme dalla nascita”.
    • NoViolet Bulawayo, We need new names
      Dallo Zimbabwe a Detroit in uno straordinario esordio.
    • Fiona Maazel, Woke up lonely
      Il bisogno concomitante di solitudine e intimità.
    • Claire Messud, La donna del piano di sopra
      Ingegnoso e inquietante romanzo costruito su conflitti sproporzionati.

***
Non fiction.

  • Alan S. Blinder, After the music stopped
    L’ex vicepresidente della Federal reserve critica la comunicazione del governo statunitense durante la crisi.
  • Sasha Abramsky, The american way of poverty
    Ambizioso studio sui poveri degli Stati Uniti.
  • Bernard Bailyn, The barbarous years
    Lo storico di Harvard esamina il caos dei primi insediamenti britannici in Nordamerica.
  • Anita Raghavan, The billionaire’s apprentice
    I nativi americani popolano tutti gli aspetti di questo meticoloso giallo finanziario.
  • Gary J. Bass, The blood telegram
    La sordida diplomazia della Casa Bianca all’epoca della nascita del Bangladesh.
  • Jill Lepore, Book of ages
    Jane Franklin condusse una vita di stenti, ma mantenne sempre uno stretto rapporto con il fratello Benjamin.
  • Roger Rosenblatt, The boy detective
    Rosenblatt racconta la sua infanzia a New York.
  • Doris Kearns Goodwin, The bully pulpit
    Roosevelt, Taft e l’epoca d’oro del giornalismo statunitense.
  • George Johnson, The cancer chronicles
    Uno sguardo sulla malattia per svelare profonde verità.
  • Max Hastings, Catastrophe 1914
    Eccellente resoconto dei primi mesi della grande guerra.
  • Eric Schlosser, Command and control
    Inquietante e avvincente inchiesta sul rischio nucleare.
  • Edna O’Brien, Ragazze di campagna
    Da una misera infanzia in Irlanda all’olimpo letterario.
  • Peter Baker, Days of fire
    Chi comandava davvero durante l’amministrazione Bush?
  • Brenda Wineapple, Ecstatic nation
    Magistrale storia della guerra di secessione.
  • Jung Chang, Empress Dowager Cixi
    Cixi, l’imperatrice vedova.
  • Rebecca Solnit, The faraway nearby
    Saggi che riflettono un anno difficile nella vita dell’autrice.
  • Sheri Fink, Five days at memorial
    Il caso di un chirurgo sospettato di aver praticato l’eutanasia durante il disastro di Katrina.
  • Lawrence Wright, Going clear
    Le peculiarità di Scientology.
  • Rick Atkinson, The guns at last light
    Ultimo volume di una monumentale trilogia sulla seconda guerra mondiale.
  • Jane Ridley, The heir apparent
    Edoardo VII, detto Bertie, era vanitoso, ghiotto, promiscuo e non troppo intelligente, ma qui si rivela un protagonista affascinante.
  • Amanda Lindhout e Sara Corbett, A house in the sky
    Il bruciante racconto di una donna rapita in Somalia.
  • Leon Damrosch, Jonathan Swift
    Autorevole biografia.
  • Kathy Butler, Knocking on heaven’s door
    Studio personale sulle falle nei trattamenti sul fine vita.
  • Scott Anderson, Lawrence in Arabia
    Attraverso la figura di Lawrence si parla di petrolio, jihad e del conflitto arabo-israeliano.
  • Sheryl Sandberg e Nell Scovell, Facciamoci avanti
    La manager di Facebook incoraggia le donne.
  • Robert Kolker, Lost girls
    Uno sguardo pieno di sfumature sulla prostituzione all’epoca di internet.
  • Mary Ruefle, Madness, rack, and honey
    Riflessioni sulla lingua e sulle frasi che durano tutta la vita.
  • Jeff Guinn, Manson
    L’ascesa e la caduta di Charles Manson, l’industria musicale degli anni sessanta e la strana atmosfera di un decennio.
  • Megan Marshall, Margaret Fuller
    I traguardi intellettuali e le delusioni sentimentali di una donna emancipata.
  • Jesmyn Ward, Men we reaped
    Cruda e intensa elegia per il fratello e quattro amici di Ward, morti in Mississippi tra il 2000 e il 2004.
  • Carla Kaplan, Miss Anne in Harlem
    Le donne bianche che si sono ritagliate un posto nel Rinascimento di Harlem.
  • Sonia Sotomayor, My beloved world
    Autobiografia del giudice della corte suprema.
  • Ari Shavit, My promised land
    Shavit, giornalista di Ha’aretz, non risparmia critiche agli israeliani.
  • Artemis Cooper, Patrick Leigh Fermor
    Affettuosa e accurata biografia dello scrittore britannico.
  • Margalit Fox, The riddle of the labyrinth
    Concentrandosi sulla storia di un professore di Brooklyn, la vicenda della decifrazione della lineare B diventa un giallo.
  • Brendan I. Koerner, The skies belong to Us
    Partendo dal resoconto di un dirottamento aereo nel 1972, Koerner svela una profonda verità sulla natura dell’estremismo.
  • Christopher Clark, I sonnambuli
    Resoconto estremamente comprensibile sulla polarizzazione del continente europeo che portò alla grande guerra.
  • Amanda Ripley, The smartest kids in the world
    Dal punto di vista dell’istruzione, Finlandia, Corea del Sud e Polonia hanno superato gli Stati Uniti.
  • David Finkel, Thank you for your service
    I reduci e le loro difficoltà, non solo psicologiche, a tornare alla vita “normale”.
  • Thomas Dyia, The third coast
    Artisti, stili e idee nella Chicago a cavallo della seconda guerra mondiale.
  • Mark Leibovich, This town
    Sguardo divertente e inquietante su Washington.
  • Lynne Olson, Those angry days
    La feroce disputa tra Roosevelt e il movimento contrario all’entrata degli Stati Uniti nel secondo conflitto mondiale.
  • Evgeny Morozov, To save everything
    Lo spirito della democrazia nell’era digitale.
  • Cris Beam, To the end of june
    Un coinvolgente studio sul sistema educativo statunitense.
  • Kenneth M. Pollack, Unthinkable
    Qual è il giusto atteggiamento sul nucleare in Iran?
  • George Packer, The unwinding
    Vivere oggi negli Stati Uniti è sempre più difficile: National book award per la saggistica nel 2013.
  • Margaret MacMillan, 1914
    Una serie di ritratti degli uomini che portarono l’Europa in guerra, nell’estate del 1914.
  • Sonali Deraniyagala, Wave
    La lotta per continuare a vivere di una donna che ha perso marito e figli nello tsunami del 2004. Un libro crudele ma anche provocatoriamente intriso di luce.
  • Jon Mooallem, Wild ones
    Mooallem esamina la natura casuale dei nostri sforzi per proteggere le specie animali che rischiano l’estinzione.
  • Ian Buruma, Year zero
    La seconda guerra mondiale, la “guerra giusta”, finì male per molte persone e benissimo per altre che lo meritavano meno.

Fonte: Internazionale.it



Categorie:Uncategorized

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: