Liberate le Pussy Riot, ma loro dichiarano: questa amnistia è una farsa

Pussy Riot

Liberate le Pussy Riot, ma loro dichiarano: questa amnistia è una farsa

Le musiciste delle Pussy Riot Maria Alyokhina e Nadezhda Tolokonnikova sono uscite dal carcere grazie all’amnistia approvata il 19 dicembre dalla Duma russa. Avrebbero finito di scontare la loro pena a marzo 2014.

Le donne si trovavano in carcere dal marzo del 2012, quando sono state arrestate insieme all’altra musicista del gruppo (Yekaterina Samutsevich) e condannate a due anni di detenzione per comportamento violento e oltraggioso. A febbraio 2012, per protestare contro il regime di Vladimir Putin, le tre ragazze del gruppo punk erano entrate nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca e avevano suonato sull’altare.

Le prime dichiarazioni. Parlando con la televisione indipendente Dozhd, Maria Alyokhina ha detto che comunque non ha cambiato idea sul presidente Vladimir Putin. “Questa amnistia non è un atto umanitario, ma una farsa. Se avessi potuto rifiutarla l’avrei fatto”, ha dichiarato Alyokhina.

“Sto parlando con lei al telefono, è stata rilasciata ora e sta andando all’aeroporto, ” ha detto l’avvocato di Nadezhda Tolokonnikova, aggiungendo che Nadia “vuole ringraziare tutti gli attivisti per i diritti umani che si sono battuti per la loro causa”.

Yekaterina Samutsevich invece è stata rilasciata il 10 ottobre 2012 e si trova in libertà vigilata.

Secondo gli analisti la grazia concesso da Putin ai suoi oppositori potrebbe servire a calmare le polemiche internazionali sullo stato dei diritti umani in Russia in vista delle olimpiadi invernali di Sochi, in programma a febbraio 2014.

Le Pussy Riot sono state descritte come un fenomeno superficiale ed effimero. Forse da qualcuno che non è mai stato nella Russia di Putin, in quell’insopportabile atmosfera di neo-imperialismo religiosamente ispirato. A me invece le Pussy Riot sono sempre piaciute. Praticano un femminismo estremo: non contro le cazzate che fanno gli uomini, ma direttamente contro le cazzate religiosamente ispirate del potere e di Putin. Violentemente punk, oltraggiosamente antireligiose.



Categorie:Q07- Estetiche nomadi e anticonformiste

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: