Matematica vedica

Matematica vedica

Per Matematica Vedica si intende in generale la matematica risalente ai Veda, i testi sacri dell’induismo, fonte della conoscenza, trasmessa oralmente attraverso i Sutra, che possiamo definire aforismi della saggezza indiana.

Jagadguru Shankaracharya Shri Bharati Krishna Tirthaji Maharaja (1884 – 1960), padre della Matematica Vedica.

La voce del maestro Shankaracharya:

http://vedicmathsindia.blogspot.com/2006/11/voice-of-master.html

Tra il 1911 e il 1918, Jagadguru Shankaracharya Shri Bharati Krishna Tirthaji Maharaja, una delle figure più autorevoli dell’induismo del XX secolo, affermò di aver ritrovato nuove, originali regole matematiche nella sua copia personale, andata poi smarrita, di uno dei testi sacri, l’Atharvaveda. Questo libro avrebbe avuto, secondo Shankaracharya, un’appendice contenente la rivelazione dell’essenza della saggezza matematica, racchiusa in sedici Sutra e nei loro corollari.

Shankaracharya in una stampa dell’inizio del Novecento

Ma questa appendice matematica non si trova in nessuna delle altre copie note dell’Atharvaveda. Questi Sutra, studiati da Shankaracharya, portarono a una nuova e originale teoria matematica, pubblicata per la prima volta nel 1965. Il curatore del libro Vedic Mathematics, che riporta gli studi di Shankaracharya, scrive che “lo stile dei Sutra matematici fa pensare che l’autore sia lo stesso Shankaracharya”.
In pratica, almeno all’inizio, vengono presentate diverse tecniche di calcolo, utili per sviluppare una maggiore flessibilità nel ragionamento matematico. Lo studente, grazie a queste tecniche di calcolo, approfondite in seguito da molti altri matematici, può scoprire più facilmente nuovi metodi di soluzione dei problemi e rendersi conto che non esiste un unico metodo corretto. In tal modo il lavoro scolastico diventa più creativo, dicono i fautori della Matematica Vedica, e aumenta l’interesse per il lavoro che lo studente deve fare in classe. Da qualche anno, la matematica Vedica è stata introdotta nelle scuole indiane e l’università di Nuova Delhi ha organizzato, per l’anno 2007 – 08, un corso di Matematica Vedica con l’obiettivo di rendere la matematica più attraente per gli studenti. Ora si sta diffondendo nelle più prestigiose scuole americane, presentata come il fiore all’occhiello dei loro programmi.

Vediamone alcuni esempi, secondo l’interpretazione data da Sankaracharya.

Ekadhikena Purvena, il primo Sutra “matematico”, recita: “Uno in più del precedente”.

Vediamo come applicare questo Sutra, secondo l’interpretazione di Shankaracharya, al calcolo del quadrato dei numeri che terminano con un 5 e al quadrato quindi con 25.
Calcoliamo, ad esempio, il quadrato di 35.
Il 3 precede il 5 e quindi i due numeri da moltiplicare fra loro, in questo caso, sono 3, “il precedente” e “uno in più del precedente”, 3 + 1 = 4.
Abbiamo 3 x (3+1); 25 => 3 x 4; 25 => 12;25 => 1225

Allo stesso modo, abbiamo:
452 => 4 x (4 + 1); 25 => 2025.
652=> 6 x (6 + 1); 25 => 4225;
1052=> 10 x (10 + 1); 25 => 11025;
1352=> 13 x (13 + 1); 25 => 18225.

Vediamo un secondo esempio, sulla moltiplicazione di due numeri aventi la stessa cifra decimale e tali che la somma delle cifre delle unità sia uguale a 10.

43 x 47 = 2021

Entrambi hanno la stessa cifra delle decine, 4 e la somma delle unità è uguale a 10. Anche in questo caso si moltiplica la cifra delle decine per la stessa più 1 e le cifre delle unità fra loro, riportando poi il risultato secondo lo schema seguente:

Nella moltiplicazione sono sempre necessarie due cifre nella parte finale del numero. Ad esempio con 81 x 89 = 7209 non scriviamo 9, ma scriviamo 09.

Nikhilam è il secondo Sutra, che afferma: “Tutti dal 9 e l’ultimo dal 10”.

Applichiamolo alla sottrazione da 1000, sempre con il procedimento studiato da Shankaracharya. E’ simile alla tecnica usata nelle nostre scuole.
Calcoliamo 1.000 – 357. Si sottraggono da 9 le cifre 3 e 5, 9 – 3 = 6, 9 – 5 = 4, e l’ultima, 7, dal 10, 10 – 7 = 3. Il risultato è quindi 643. In schema:

Come secondo esempio vediamo l’applicazione alla moltiplicazione. Ad esempio 7 x 8.

Scriviamo in colonna i due numeri con, a fianco, la loro differenza dal 10: 7 – 10 = -3 e 8 – 10 = -2.

7     -3

8     -2

Il prodotto viene calcolato in due parti che separiamo fra loro con una barra.

La cifra delle unità è il prodotto delle due differenze dal 10: (-3) x (-2) = 6.
La cifra delle decine corrisponde invece alla somma fra il primo numero 7 e la differenza dal 10 del secondo numero. In questo caso: 7 + (-2) = 5. Oppure è la stessa cosa fare la somma fra il secondo numero e la differenza dal 10 del primo: 8 + (-3) = 5. Il risultato è quindi 56.
Ci sono ancora altri metodi per calcolare moltiplicazioni simili o con più cifre.

Vediamo un esempio relativo al terzo Sutra, Paravartya – Yojayet cioè Sposta, inverti e applica.

Applichiamolo al prodotto di due numeri. Ad esempio, 14 x 12. Il metodo ricorda quello usato anche in occidente dai calcolatori mentali.

In pratica le unità dei due fattori vengono moltiplicate fra loro, 4 x 2 = 8, e quest’ultimo numero sarà la prima cifra, a destra, della risposta. Successivamente si moltiplicano tra loro in diagonale le cifre dei due numeri. L’unità del primo numero e le decine del secondo numero: 4 x 1 = 4. Moltiplichiamo poi le decine del primo numero con le unità del secondo, 1 x 2 = 2 e sommiamo i due risultati: 4 + 2 = 6. Quest’ultima sarà la seconda cifra, a sinistra, del risultato. Moltiplichiamo ancora le decine del primo numero per le decine del secondo: 1 x 1 = 1 e questa sarà la terza cifra del risultato: 168. Lo schema del procedimento è sintetizzato in figura.

Una regola simile si può applicare all’addizione o alla sottrazione delle frazioni. Ad esempio, calcoliamo

In figura sono indicate le moltiplicazioni da eseguire. Il risultato naturalmente, quando è possibile, dovrà essere semplificato.

Il sesto Sutra, Anurupye Shunyamanyat afferma:
Se uno è in rapporto, l’altro è zero”.

Questo Sutra viene applicato per risolvere sistemi di equazioni con grandi numeri. Ma alcuni casi più semplici ci consentono di capire come si può applicare. Ad esempio:

In questo caso il rapporto dei coefficienti di y è identico a quello dei termini noti. Quindi “l’altro” è zero, cioè x = 0. Quindi la soluzione del sistema è x = 0 e y = 8/7.

Il settimo Sutra, Sankalana – Vyavakalanabhyam, afferma: “Per addizione e per sottrazione”,

Vediamo l’applicazione di questo Sutra a un caso molto semplice, con i coefficienti di x e di y identici, ma scambiati fra loro. Ad esempio:

Secondo il metodo in uso nelle nostre scuole dovremmo moltiplicare la prima equazione per 45 e la seconda per 23, sottrarre poi i termini della seconda dalla prima per ottenere il valore di y. Sostituiamo poi il valore ottenuto in una delle due equazioni per ottenere alla fine il valore di x. Un procedimento decisamente macchinoso. Vediamo invece come si procede seguendo le indicazioni del Sutra, nell’interpretazione di Shankaracharya.

Sommiamo le due equazioni:
( 45x – 23y ) + ( 23x – 45y ) = 113 + 91
68x – 68y = 204
x – y = 3
Sottraiamo un’equazione dall’altra:
( 45x – 23y ) – ( 23x – 45y ) = 113 – 91
22x + 22y = 22
x + y = 1

Se ripetiamo ancora una volta lo stesso Sutra otteniamo:
x = 2 e y = -1

Vediamo ancora, per curiosità, come si può eseguire, secondo la Matematica Vedica, la moltiplicazione per 11 o per 12.

Moltiplicazione di un numero per 11.

Per moltiplicare un numero di due cifre per 11 è sufficiente inserire la somma delle sue cifre fra quelle del primo fattore. Ad esempio,
35 x 11 => 3 (3 + 5) 5 => 385

77 x 11 => 7 (7 + 7) 7 => (7 + 1) 4 7 => 847
In questo secondo esempio c’è il riporto di un centinaio.

234 x 11 => 2 (2 + 3) (3 + 4) 4 = 2574
In questo caso si collocano i numeri 2 e 4 agli estremi e si sommano le coppie 2 + 3 = 5 e 3 + 4 = 7

Moltiplicazione di un numero per 12.

Ad esempio, 17 x 12.

Moltiplichiamo 17 per l’1 del 12, che è una decina. Moltiplichiamo quindi per 10.
10 x 17 = 170
Moltiplichiamo ancora 17 x 2 = 34
Sommiamo 34 + 170 = 204 e questo è il risultato.

Un curioso metodo grafico per l’applicazione della “moltiplicazione vedica”:
http://www.youtube.com/watch?v=kZKOPKIHsrc&mode=related&search

Provi il lettore più curioso a variare gli esempi che abbiamo presentato, andando alla scoperta di nuove regole. Potrà inoltre approfondire l’argomento alle pagine indicate dai link che riportiamo qui di seguito. Si veda ad esempio il quinto Sutra, Sunyam Samyasamuccaye per la soluzione delle equazioni di primo grado oppure l’ottavo, Puranapuranabhyam, con i suggerimenti per risolvere equazioni di secondo grado e superiori.

Con un po’ di pratica si scopriranno ben presto i vantaggi della matematica vedica applicabile, secondo Shankaracharya, anche all’analisi e all’algebra lineare.

Fonte: Federico Peiretti

http://areeweb.polito.it/didattica/polymath/htmlS/argoment/Matematicae/Dic_07/Vedica.htm

Progetto Polymath

In rete e in libreria

B. K. Chaturvedi, Shankaracharya (Mystic Saints of India), Books for All, 2000

Shri Bharati Krishna Tirthaji, Vedic Mathematics, The Indu, 2006

Kenneth Williams, Discover Vedic Mathematics, Motilal Banarsidass,India, 2005

Dhaval Bathia, Vedic Mathematics Made Easy, Jaico Publishing House, 2006

George Gheverghese Joseph, C’era una volta il numero, Il Saggiatore, 2000

Robert Kanigel, L’uomo che vide l’infinito – La vita breve di Srinivasa Ramanujan, genio della matematica, Rizzoli, 2003

Federico Rampini, La speranza indiana, Mondadori, 2007.

Ripetizioni di matematica via Internet:
http://www.mathguru.com/
http://www.educomp.com/

Una chiara esposizione dei Sutra matematici e delle loro applicazioni:
http://www.vedamu.org/Mathematics/course.asp

Un’ottima raccolta di regole ed esempi di matematica vedica:
http://www.hinduism.co.za/vedic.htm#Tutorial%201

Per approfondire l’argomento:
http://www.vedicmathsindia.org/#
http://www.vedicmaths.org/Home%20Page.asp

La matematica vedica in pratica:
http://www.sanalnair.org/articles/vedmath/example1.htm

Un ampio saggio di presentazione della matematica vedica:
http://www.tifr.res.in/~vahia/dani-vmsm.pdf



Categorie:H15- Scienza dell'India antica - Science of ancient India

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA [ORIENTE-OCCIDENTE]

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: