Architettura islamica

Architettura islamica

L’architettura islamica (arabo: عمارة إسلامية‎) è un termine piuttosto ampio che raggruppa gli stili artistici della cultura islamica dai tempi di Maometto fino ai giorni nostri e che ha influenzato il disegno e la costruzione di edifici o strutture di tutto il mondo. Nacque dall’incontro di elementi provenienti dalla tradizione araba, siriaca, bizantina, persiana-sasanide e, in seguito, anche turca e mongola-cinese.
Le sue forme architettoniche tipiche sono le cupole sorrette da pilastri. Gli edifici più frequenti sono: la moschea (masjid); la scuola per l’insegnamento religioso (madrasa), la tomba (maqbara), le case dei nobili (mahal), oltre a palazzi (qusur) e i giardini.

Tipologie

Le principali tipologie costruttive dell’architettura islamica sono la moschea, la tomba, il palazzo e la fortificazione.

Si suole affermare che la colonna, l’arco e la cupola sono la sacra triade dell’architettura islamica poiché dalla combinazione di tali elementi essa deriva la bellezza ed originalità che la caratterizzano.

Storia

Nel 630 l’esercito di Maometto conquista la città di Mecca, strappandola alla tribù pagana dei Quraysh da cui lui stesso proveniva. Viene dunque riconsacrato all’unico vero Dio (Allāh) il santuario della Kaʿba, precedentemente dedicato al dio Hubal. La ricostruzione del tetto, portata a termine prima della morte di Maometto (632), viene eseguita secondo una tradizione da un carpentiere naufrago etiope, ebreo o siriaco. Questo santuario rappresenta di fatto una delle prime opere di grande respiro dell’Islam. Le pareti sono all’epoca decorate con pitture di Gesù, di sua madre Maria (Maryam), Abramo (Ibrāhim), di vari profeti, angelo/angeli, di una colomba e di alberi, che Maometto farà cancellare, con la sola eccezione dell’immagine della colomba (forse lo Spirito Santo e di Gesù che, sotto il nome di ʿĪsā, è considerato un grande profeta, precursore dello stesso Maometto).
Quanto sopravvisse non sfugge però ai danni di un devastante incendio che, nel 692, distrugge per intero la Kaʿba, in margine alla guerra civile che contrappose al-Ḥajjāj, generale dell’omayyade ʿAbd al-Malik b. Marwān ad ʿAbd Allāh ibn al-Zubayr.

Influenze e stili tradizionali di età omayyade

La Moschea della Roccia di Gerusalemme è un esempio-chiave dell’architettura islamica

Calligrafia araba nel gran pishtaq o portale di accesso al Taj Mahal di Agra.

Poco dopo la morte del profeta Maometto, uno stile architettonico islamico facilmente riconoscibile si sviluppa a partire dai modelli romano, egizio, persiano, sasanide e bizantino.
Il secolo VII vede l’espandersi territoriale dei musulmani che, una volta stabilitisi nella regione vicino-orientale, identificano i luoghi atti alla costruzione di nuove moschee. In questo periodo, la semplicità stilistica, derivata dalla semplice tradizione araba, caratterizza tanto le costruzioni ex novo di moschee od altri edifici come i riadattamenti di edifici preesistenti alle mutate esigenze di culto. Il primo vero grande committente di una nuova e rilevante opera pubblica, architettonicamente di notevole pregio, è proprio il califfo omayyade ʿAbd al-Malik, che per evitare che i suoi sudditi si potessero recare a Mecca, esponendosi alla propaganda a lui sfavorevole di Ibn al-Zubayr, dette ordine di edificare nel 691 la Cupola della Roccia (Qubbat al-Sakhrāʾ) a Gerusalemme. Compaiono qui le coperture a volta, la cupola circolare e l’uso di fregi decorativi stilizzati e ripetitivi (arabeschi).

Tale decisione viene imitata, su assai più vasta scala, dal figlio al-Walīd I, che commissiona due assoluti capolavori dell’architettura araba-musulmana: la cosiddetta Moschea degli Omayyadi di Damasco e l’omonima moschea di Aleppo.

In seguito, a partire dal secolo VIII, la dottrina islamica basata sui hadith vide con sfavore l’ornamentazione in cui fosse riprodotta la figura umana, prediligendo un’ornamentazione fitoforme o puramente epigrafica, sfruttando abbondantemente la grazia dell’alfabeto arabo.



Categorie:H07- Arti musulmane - Islamic Art

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA [ORIENTE-OCCIDENTE]

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: