Valle dell’Orkhon

Valle dell’Orkhon

Valle dell'Orkon

Il paesaggio culturale della valle dell’Orkhon si trova lungo le rive del fiume Orhon nella Mongolia centrale, 360 km ad ovest della capitale Ulan Bator. Venne inserito tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO quale esempio di evoluzione delle tradizioni pastorali nomadi nell’arco di due millenni.

Per molti secoli la valle dell’Orkhon fu la sede del potere imperiale delle steppe. Le prime prove sono rappresentate da una stele in pietra con iscrizioni runiche[1], eretto nella valle da Bilge Khan, un imperatore dell’ottavo secolo dell’impero Göktürk. Circa 25 chilometri a nord della stele, all’ombra della sacra montagna-foresta di Ötüken, si trovava l’Ördü, la capitale nomade. Durante la dominazione Qidan la stele venne riscritta in tre lingue, in modo da ricordare gli eventi dei Qidan.

Le montagne vennero considerate sacre dal Tengriismo quale axis mundi, soprattutto Ötüken a causa degli spiriti ancestrali dei khagan e dei beys che vi abitarono. Una forza chiamata qut veniva ritenuta in grado di emanare potere da questa montagna, concedendo ai khagan il diritto divino di regnare sulle tribù Turkic.[2] Chiunque controllasse questa valle sarebbe stato considerato leader spirituale dei Turk. Per questo motivo il controllo della valle dell’Orkhon fu di importanza strategica per ogni stato Turkic. Storicamente ogni capitale Turkic (Ördü) venne stabilita qui per questo motivo.

Luoghi

I monumenti principali della valle sono i seguenti:

Monumento a Kul Tegin

Monumento a Bilge Khagan

  1. Memoriali dell’inizio dell’VIII secolo dedicati a Bilge Khan e Kul Tigin, con le loro iscrizioni Orkhon, sono riconosciuti come i più sorprendenti monumenti dell’impero nomade dei Göktürk. Vennero scavati e decifrati dagli archeologi russi nel 1889-93.
  2. Rovine di Ordu-Baliq, capitale dell’VIII secolo dell’impero Uiguri, che occupa 50 chilometri quadri e contiene i resti di un palazzo, negozi, templi, monasteri, ecc.
  3. Rovine della capitale di Gengis Khan a Karakorum, che potrebbe aver compreso al suo interno il famoso palazzo Xanadu.
  4. Il monastero di Erdene Zuu è il primo monastero buddhista della Mongolia. Venne in parte distrutto dalle autorità comuniste nel 1937-40.
  5. L’eremo di Tuvkhun è un altro monastero spettacolare, dominante una collina a 2600 metri slm. Anch’esso venne completamente distrutto dai comunisti.
  6. Resti del palazzo mongolo di Doit Hill (XIII e XIV secolo), che si crede sia stato la residenza di Ögödei.


Categorie:F13- Storia della Turchia e dei popoli turchi - History of Turkey and the Turkish peoples, G01- Storia dell'Asia centrale - History of Central Asia

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA [ORIENTE-OCCIDENTE]

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: