Foto ricordo del “condannato”- Lo spettacolo della morte in metropolitana a New York

La copertina del New York Post

La copertina del New York Post

La polizia di New York ha arrestato il folle che ha spinto sui binari Ki Suk Han, 58 anni: I fatti: martedì alla fermata Times Square l’uomo di origini coreane si è avvicinato alla banchina e, per cause, ancora da accertare, ha cominciato a litigare con un’altra persona che in uno scatto d’ira l’ha buttato sui binari proprio quando stava per arrivare il treno. L’uomo  è morto travolto dal treno che sopraggiungeva sotto gli occhi impassibili di 18 persone che sostavano in banchina.

Cresce la polemica per quella  foto maledetta.  Il giorno dopo la morte di Ki-Suck Han la  foto della scena è stata sbattuta in prima pagina dal New York Post, un tabloid americano del gruppo Murdoch. E l’America tutta si è sconvolta, per quel reporter dell’orrore , per quel vuoto agghiacciante creatosi attorno a Ki, per il cattivo gusto del tabloid di sbattere in prima pagina la “morte in diretta”, per le decine di immagini proliferate in rete. Souvenir di una tragedia annunciata che i testimoni hanno catturato e condiviso con il mondo intero, mentre un padre e un marito moriva così.

 Sotto un titolo a caratteri cubitali, “Doomed” (condannato, ndr), si intravede l’uomo aggrappato al marciapiede che tenta di trarsi in salvo, con lo sguardo rivolto al treno che sta per travolgerlo. Condannato sì, ma oltre che dalle circostanze, anche dalla scelta cinica di Umar Abassi, il fotografo, che in quell’attimo ha imbracciato la fotocamera invece di tendere un braccio all’uomo. Lo ha visto poco prima che morisse ma con chirurgica perizia lo ha dato per spacciato e ha preferito catturare la sua fine in 59 fotogrammi. Poi la ridondanza della didascalia che informa i lettori del New York Post: “Spinto nei binari della metro,quest’uomo sta per morire“. Nell’articolo sull’incidente pubblicato assieme alla drammatica foto, il giornale riferisce che uno dei fotografi ha raccontato che il treno ha travolto Han come se fosse stato una bambola di pezza.

Abbasi si è giustificato dicendo che altro non poteva fare e quindi ha cominciato a scattare foto a raffica, con il flash, per illuminare la scena e avvisare in qualche modo l’autista. “Ho iniziato a correre e correre, sperando che il conducente potesse vedere il mio flash. In quel momento volevo solo avvisare l’autista del treno e cercare di salvare la vita dell’uomo” ha spiegato al complice New York Post. Ammesso che fosse vero, resta un quesito di non poco conto: era necessario pubblicarle quelle foto?

Attaccato da tutti, il Post, per aver dato a quelle foto raccapriccianti una copertina, difendendone l’esclusiva e rifiutandosi di condividerle con l’Associated Press, ha scatenato un dibattito senza fine. E mentre in rete e su tutti i giornali volano paroloni come “etica del giornalismo” e “omertà” di chi era lì ma come il fotoreporter nulla ha fatto per salvare Ki, quell’insano voyeurismo di quanti all’indomani della tragedia corrono a comprare la “morte in diretta” a un dollaro in edicola, si alimenta e prospera.

L’American Thinker punta il dito e condanna senza appello il fotografo e la direzione del Post: “Le loro carriere saranno definite per sempre dall’infamia che hanno commesso”. Il Christian Science Monitor estende le accuse anche agli altri testimoni: “Erano in 18 sul marciapiede ma quando Ki ha bisogno di una mano per risalire, improvvisamente, a mezzogiorno nella stazione di Times Square della linea Q, attorno a lui si fa il vuoto”. David Carr dalle colonne del New York Time è ancora più severo: “Questa vicenda – scrive – incarna tutto ciò che ha spinto la gente a perdere la fiducia nei giornalisti: gente che assiste passiva, eunuchi morali che non intervengono quando il pericolo o il male si materializzano davanti a loro. E che, magari, segretamente tifano perché il peggio accada”.

Dopo l’impatto anche  altri passeggeri sono corsi col telefonino a riprendere la macabra scena e l’hanno postata su YouTube o sul proprio social network.



Categorie:Y01- Corsivi Fatti e Opinioni

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA [ORIENTE-OCCIDENTE]

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: