Segnali positivi dal Pianeta Giovani- Volontariato dei ragazzi tra crescita e crisi

Pianeta giovani e volontariato

Il volontariato giovanile emerge dalle recenti indagini sociologiche come una specifica forma di azione solidaristica, della quale è possibile individuare i tratti distintivi, le nuove modalità di “affiliazione” che connettono i soggetti alle organizzazioni e ciò che esita da tale processo nella società.

Il volontariato  è visto dai giovani come sperimentazione di sé in ambiti diversi da quelli scolastici o lavorativi, come apertura e comunicazione nei confronti del mondo, come tirocinio di responsabilità, capacità organizzativa, collaborazione con altri.

Alla società adulta deriva però una sfida, quella di riconoscere e valorizzare il servizio prestato agli altri, nei percorsi professionali e nel cammino futuro dei giovani che scelgono questa strada per crescere, condividendo una parte del loro tempo migliore.

Fanno testo i dati che il sociologo Andrea Salvini, docente di Sociologia generale all’Università di Pisa, ha rilevato nel corso di una recente indagine realizzata per conto del CSV Net – il coordinamento nazionale dei Centri di Servizio al Volontariato. Partendo dai dati ISTAT, Salvini ha fatto una lettura che evidenzia come tra il 1999 e il 2009 i giovani adolescenti tra i 14 e i 17 anni che fanno volontariato sono cresciuti dal 6,3% al 7,3%, percentuale che aumenta per quelli in età compresa tra i 18 e i 19 anni. Per questa seconda fascia di età, infatti, l’incremento è stato del 3,4% innalzando il dato del 1999 che si attestava sul 8,4% al 11,8% del 2009.

La nota dolente riguarda il sostegno governativo e istituzionale in tempo di crisi, a partire da quelle direttamente coinvolte nella promozione di politiche giovanili come i Ministeri delle Politiche giovanili, delle Politiche Sociali e dell’Istruzione, o ancora il sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega per il Servizio civile volontario. Dicasteri che, sottomessi alle politiche di risanamento dei conti pubblici tremontiane e alle disattenzioni del Governo intero, non hanno esitato negli ultimi anni a sacrificare le loro politiche di incentivazione del volontariato e del sostegno ai giovani ad altri fini.

Se proviamo a guardare tutto il decennio e in una prospettiva più ampia scopriamo che un italiano su dieci ha fatto o fa il volontario: in totale ben 600.000 persone.  Si riconoscono in tredici mila organizzazioni, in aumento anno dopo anno, per le quali svolgono un’attività equivalente a quella fornita da quasi 70 mila lavoratori, pur senza ricevere particolari attenzioni dallo Stato.

I volontari non sono  persone ormai in pensione o alla ricerca di un’attività, magari non troppo costrittiva, che desse loro l’opportunità di sentirsi ancora utili. I volontari per gran parte sono giovani. E’ quanto emergeva da una ricerca effettuata dal Dipartimento per gli Affari Sociali qualche tempo fa su un campione di 1600 giovani tra i 15 e i 29 anni: sono  1 su sette i volontari ed il 60% di essi continua il suo impegno oltre il primo anno.

Il settore socio-sanitario è quello che esercita la maggior attrazione: ben il 48% degli intervistati s’impegna nell’assistenza sociale, il 32% in quella sanitaria mentre il 18% pratica attività educative.

Il volontariato: un capitale sociale da valorizzare

L’associazionismo con scopi di servizio è una delle modalità principali con cui in una comunità locale si produce il capitale sociale che ravviva i legami tra le persone e produce sentimenti di fiducia e solidarietà reciproca. La società ha quindi costantemente bisogno che un certo numero di persone scelga liberamente di associarsi per mettersi al servizio di altri. Un tassello fondamentale di questo equilibrio è la partecipazione dei giovani. Ma il rapporto tra giovani e volontariato appare oggi più problematico di un tempo. Da qualche anno, infatti, da più parti viene posta in dubbio la disponibilità dei giovani a dedicarsi gratuitamente agli altri, e quindi ad assicurare il ricambio generazionale delle risorse umane del mondo del volontariato.

Il Forum Europeo dei Giovani e la Carta dei volontari

Il Forum Europeo dei Giovani insieme ai membri dell’Alleanza 2011 hanno lanciato l’anno scorso la Carta Europea sui Diritti e le Responsabilità dei Volontari. La Carta offre orientamento sui diritti e i doveri dei volontari e definisce i ruoli delle diverse autorità a tutti i livelli.

Scopo della Carta è quello di costituire un modello per le autorità locali, nazionali ed europee per disegnare le proprie politiche rivolte al volontariato, elencando inoltre quelli che sono i diritti e i doveri dei volontari.

La commissione Educazione e Cultura del Parlamento europeo ha espresso la propria soddisfazione per questo importante documento e ha invitato gli Stati membri a valutare l’opportunità di disegnare un quadro giuridico definito per i volontari e preparare una strategia nazionale per promuovere la crescita delle attività di volontariato. (Per maggiori informazioni si può consultare il sito del Comune di Bologna- Politiche giovanili: http://www.flashgiovani.it/volontariato/news/28/4243/).

Come si può vedere il mondo del volontariato è in pieno movimento e parte essenziale di questo movimento riguarda i giovani. Dovremo prestare un’attenzione crescente a questi fenomeni, sia da un punto di vista statistico sia da un punto di vista legislativo.



Categorie:W20.01- Giovani Disagio Legalità

Tag:

2 replies

Trackbacks

  1. Giovani, disagio, legalità: il Progetto e gli articoli pubblicati « Cronaca e Storia
  2. Giovani, disagio, legalità: progetti di ricerca – Antonio De Lisa – Scritture / Writings

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: