La Procura di Palermo presenta memoria di costituzione nel conflitto tra poteri dello Stato

La Procura di Palermo si è costituita nel conflitto tra poteri dello Stato presso la Consulta

Con una memoria di 32 pagine la Procura di Palermo si è costituita nel conflitto tra poteri dello Stato sollevato di fronte alla Corte Costituzionale dal Quirinale per le intercettazioni indirette al Capo dello Stato. Il deposito degli atti è stato effettuato questa mattina. Se il Capo dello Stato avesse «un’immunità assoluta» – si legge nella memoria depositata dai pm di Palermo – e «gli si riconoscesse una totale irresponsabilità giuridica anche per i reati extrafunzionali», questo coinciderebbe con la «qualifica di inviolabile che caratterizza il Sovrano nelle monarchie» . La scadenza dei termini era fissata per il 19 ottobre, ma il deposito è stato fatto con una settimana di anticipo. I pm di Palermo sono rappresentati da un collegio difensivo costituito dal professor Alessandro Pace, fino a poco tempo fa presidente dei costituzionalisti italiani, e dai professori Giovanni Serges e Mario Serio. L’udienza di fronte ai giudici della Consulta è già stata fissata per il 4 dicembre.

La vicenda

Il ricorso del Presidente della Repubblica contro la procura di Palermo era stato depositato alla Corte Costituzionale dall’  l’Avvocatura dello Stato, che aveva avuto  l’incarico di rappresentare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel giudizio per conflitto di attribuzione sollevato dal Capo dello Stato nei confronti dei pm ‘siciliani’. Oggetto del ricorso, le decisioni prese dai magistrati sulle intercettazioni di conversazioni telefoniche nell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, che Napolitano ha considerato ‘lesive di prerogative attribuitegli dalla Costituzione’, anche se riferite a intercettazioni indirette, cioè non disposte su utenze del Quirinale.  La Procura non ha disposto la distruzione della trascrizione della conversazione telefonica tra l’ex ministro Nicola Mancino e il Presidente della Repubblica, affermando che su una decisione di questo tipo avrebbe dovuto pronunciarsi il Gip, sentite le parti. Il contenuto dell’intercettazione non è mai stato reso pubblico, ma la notizia è filtrata all’epoca e pubblicata dai giornali.

A noi interessa – visto che questo è un blog dedicato alla ricerca storica- capire in concreto in che cosa consista un conflitto di attribuzione, seguendo questa vicenda che presenta caratteri paradigmatici.

Il conflitto di attribuzione consiste in situazioni di contrasto tra organi dello Stato e tra Stato e Regioni e tra le Regioni, più precisamente, tra organi competenti a dichiarare definitivamente la volontà del potere cui appartengono.

Il conflitto di attribuzione può essere positivo se i soggetti in conflitto affermano entrambi la propria competenza sulla materia, oppure negativo se entrambi i soggetti affermano la propria incompetenza.

Il conflitto può investire situazioni in corso, cioè già verificatesi, oppure può precedere il verificarsi di situazioni concrete, discutendosi così di situazioni future possibili nel verificarsi.

Sui conflitti di attribuzione (in base all’art. 37 della legge 87/1953) decide la Corte Costituzionale, anche se nel caso in cui il conflitto interessi anche un organo giurisdizionale la competenza della Corte Costituzionale è controversa.

Il conflitto di attribuzione si verifica quando i soggetti in conflitto appartengono a diversi poteri dello Stato. Può esserci conflitto interorganico o intersoggettivo, il primo si verifica tra organi appartenenti allo stesso ente mentre il secondo sorge tra enti differenti.

Sul piano dello studio della patologia del rapporto tra organi/funzioni, un conflitto di attribuzioni, nella sua concreta estrinsecazione, si traduce in un atto viziato. Il vizio può ascriversi alla categoria amministrativistica del “Vizio di competenza” secondo la usuale tripartizione: Violazione di legge, eccesso di potere, incompetenza. La violazione di attribuzioni infatti, si risolve in un problema (concreto) di competenza. Il conflitto di competenza si verifica quando i soggetti in conflitto appartengono allo stesso potere dello Stato.

D’altra parte può parlarsi di “vizio di attribuzione” sul piano delle forme più gravi di patologia: quelle della nullità per carenza di potere. L’attribuzione è infatti l’istituto ricostruito a partire dalla carenza di potere per conferire una tutela più incisiva già sul piano della fisiologia dell’amministrazione, ovvero su un piano positivo. Sul piano giudiziale e processuale tuttavia, l’«attribuzione» può tramutarsi in «competenza», secondo l’interpretazione del giudice. Il concetto di “attribuzione” può ritenersi quindi una specificazione di particolare interesse scientifico, a causa dei diversi risvolti sanzionatori, del vasto e antico ambito della “competenza”.

La memoria di costituzione

Fonte: sito del giornale “Il fatto quotidiano”



Categorie:A08- Cronaca giudiziaria

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA [ORIENTE-OCCIDENTE]

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: