Siria- La sporca guerra, la posta in gioco del Kurdistan e lo scontro con la Turchia

Akcakale dopo il colpo di mortaio che ha provocato cinque morti

Un colpo di mortaio proveniente dalla Siria è caduto in territorio turco nel pomeriggio di oggi 5 ottobre, le truppe di Ankara hanno risposto colpendo obiettivi siriani. Lo riferiscono i media locali. Il colpo è caduto nella zona rurale di Yayladagi, riferisce il governatore della provincia. Al momento non si ha notizie di vittime nè danni.

Il conflitto fra l’esercito di Bashar al-Assad e i ribelli del Free Syrian Army sta  coinvolgendo anche i separisti kurdi e le regioni a maggioranza kurda in Turchia e in Siria.

La guerra fra regime e ribelli ha colpito nei giorni scorsi anche la città di Qamishili, nel Kurdistan siriano. Un kamikaze a bordo di un auto imbottita di esplosivo si è fatto esplodere vicino al quartier generale delle forze di sicurezza kurde uccidendo quattro persone. Ma secondo fonti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani vi sarebbero almeno otto morti e decine di feriti. L’attacco non è stato ancora rivendicato, ma la tv del regime accusa i ribelli. Questo è il primo attentato che coinvolge Qamishili dall’inizio della guerra contro Assad. Situata a confine con la Turchia,  la città a maggioranza kurda è sempre stata sotto il controllo delle forze di sicurezza siriane appoggiate dalla popolazione.

Secondo Ankara, i regimi di Damasco e Teheran avrebbero stretto un’alleanza con i separasti del Pkk turco e le sue diramazioni iraniane e siriane per creare il caos nella regione e limitare i movimenti dei ribelli del Free Syrian Army (Fsa ) sostenuti invece dalla Turchia. Lo scorso 28 settembre, Ahmet Davutoğlu, ministro degli Esteri Turco, ha affermato in una conferenza stampa che vuole realizzare una zona cuscinetto lungo il confine siriano, per mettere in salvo le centinaia di migliaia di profughi in fuga dalla guerra. Secondo gli analisti per compiere una tale mossa, la Turchia dovrebbe avviare operazioni militari sul territorio siriano. Il ministro ha anche accusato il Consiglio di sicurezza Onu di non avere una posizione chiara rispetto alla Siria, lasciando intendere che l’invio di forze militari, anche in segreto, è un’ipotesi realistica. “Restare fermi su delle convenzioni – ha sottolineato Davutoğlu, riferendosi ai membri Onu contrari a un attacco militare – porterà a maggiori pericoli per il futuro”.

Scoppiata nel 2011 sull’onda della Primavera araba, la guerra civile siriana è costata oltre 20mila morti e almeno centinaia di migliaia di fuggitivi. Oltre 120mila profughi sono ospitati nei campi in Turchia. La spirale di violenza ha ormai colpito le principali città del Paese, fra cui Damasco e Aleppo, il più importante e antico centro commerciale ed economico del Paese, dove da giorni brucia il quartiere-mercato del “Souk”. La zona accoglie circa 1550 fra botteghe e negozi ed è patrimonio dell’Unesco dal 1986. Essa è considerata uno dei più antichi mercati del Medio oriente. La maggior parte degli edifici è di legno e risale all’epoca medievale. Molti siriani hanno criticato la mossa dei miliziani ribelli che nei loro assalti contro il regime non hanno avuto “pietà” e rispetto per la popolazione civile e per i simboli della Siria. “Sono come paralizzato – racconta Ahmed uno dei commercianti del Souk fuggito in un campo profughi in Libano – questa è una guerra sporca, e noi siamo i perdenti. Prima abbiamo perso il nostro lavoro e ora abbiamo perso il nostro negozio”.



Categorie:F02- Storia contemporanea dei paesi musulmani

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Officina Galilei per il Teatro e la Musica

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

CULTURE ASIATICHE - ASIAN CULTURES

STUDIES AND RESOURCES FOR HIGH SCHOOLS AND UNIVERSITY

IL CALEIDOSCOPIO

Per guardare il mondo con occhi diversi

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: