Somalia- La caduta di Kismayo, il lugubre regno di Al Shabaab, i talebani d’Africa

Navi da guerra kenyane hanno bombardato la scorsa notte la parte meridionale della città di Kismayo. Fonti militari riferiscono che le operazioni servono a stanare le ultime sacche di resistenze dei ribelli Shabaab che ancora si nascondono in città. Ma alcuni residenti hanno accusato la marina kenyana di aver colpito abitazioni civili e provocato la morte di due bambini. Accuse respinte dal portavoce militare Cyrus Oguna: “Le truppe stanno solo consolidando il controllo”.

Kismayo è stata per anni una città completamente isolata dal mondo, in mano alle milizie islamiste di Al Shabaab.

Miliziani di Al Shabaab

Le donne, rigorosamente coperte da capo a piedi, erano costrette a vivere segregate. Potevano viaggiare solo sui mezzi pubblici destinati a loro. Non si poteva possedere una tv, la danza e lo sport erano banditi. I furti erano puniti con le amputazioni, e chiunque violasse i precetti di una rigidissima interpretazione della Sharia rischiava la condanna capitale. Non erano risparmiati neanche i ragazzi.

La lapidazione di Aisha Ibrahim Duhulow

Il caso di Aisha Ibrahim Duhulow, nell’ottobre del 2008, fece il giro del mondo. Lei, che dopo aver tentato di denunciare lo stupro subito da tre uomini fu accusata di adulterio. E lapidata nello stadio della città davanti a mille spettatori. Aveva solo 13 anni.

Quando conquistarono Kismayo, nel 2007, gli Shabaab, gli estremisti islamici affiliati ad al Qaeda, la elessero loro roccaforte. Era un luogo ideale per creare la loro base operativa da cui sferrare gli attacchi contro il governo somalo di transizione, il Kenya e l’Uganda: 520 chilometri a sud est di Mogadiscio e 250 dal confine del Kenya. Il luogo più inaccessibile al mondo per i giornalisti. E negli ultimi tempi anche per le Ong e gli operatori umanitari, cacciati dagli Shabaab. Kismayo è per la Somalia ciò che Kandahar era per l’Afghanistan durante l’oscuro regno del Talebani.
Dopo cinque anni di governo, venerdì notte gli Shabaab hanno dichiarato di aver abbandonato la città per una ritirata tattica. I soldati del contingente dell’Unione Africana (Amisom), fiancheggiati dalle meglio addestrate truppe del Kenya, paese che nell’ottobre 2011 ha sferrato un’offensiva contro i “talebani d’Africa”, sono finalmente riusciti a sbarcare sulla spiaggia di Kismayo, conquistando il porto della città. Davanti alla loro potenza di fuoco gli Shaabab hanno abbandonato la città, come accaduto in altre occasioni. I soldati kenioti preferiscono per ora non spingersi nel centro restando nelle vicinanze del porto. Troppe le insidie, dalle trappole esplosive al pericolo di imboscate tra le strette casette di fango. Ma nei luoghi dove sono arrivati, la gente è corsa in strada a festeggiarli.
Nel resto della città è il momento dei saccheggiatori, dei furti, delle violenze commesse alla luce del sole senza che nessuno possa impedirlo. Via gli estremisti islamici armati fino ai denti a garantire la loro sicurezza, la gente vive nel terrore, domandandosi cosa accadrà adesso. Non è la fine degli Shabaab, che hanno promesso gravi rappresaglie, ma il colpo loro inferto è senza precedenti. Senza il porto di Kismayo, le sue infrastrutture, le basi di addestramento, il movimento islamico , sempre più diviso da lotte intestine, ha perso molto potere.

30 settembre 2012



Categorie:F09- Storia dell'Africa sub-sahariana - History of Sub-Saharan Africa

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

Storia delle Maschere e del Teatro popolare - Masks and Popular Theatre

Museo virtuale delle maschere e del teatro popolare

ORIENTALIA [ORIENTE-OCCIDENTE]

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

TEATRO E RICERCA - THEATER AND RESEARCH

Sito di approfondimento e studio della Compagnia Lost Orpheus Teatro

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Antonio De Lisa - Scritture / Writings

Teatro Musica Poesia / Theater Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: